Alcolicicocktails

Dry Martini, ricetta e storia del cocktail

Dry Martini
668Views

Dry Martini, un cocktail considerato da tutti il re degli aperitivi.

INGREDIENTI:

  • Gin, 2 oz (6 cl)
  • Vermouth Dry, 1/2 oz (cl)

PREPARAZIONE:

Per preparare il Dry Martini versate tutti gli ingredienti in mixing glass con ghiaccio. A questo punto miscelare con uno spoon per qualche secondo e filtrare con uno strainer in una coppetta ghiacciata.

Il consiglio in più: Mettere la coppetta in freezer e toglierla solo all’ultimo minuto. Per una miscelazione ottimale tenere il Gin ed il Vermouth in frigorifero. Scegliere il Gin in base al proprio gusto personale. Si consiglia invece di utilizzare il Vermouth francese Noilly Prat.

Bicchiere

Coppetta

Tipologia

Before Dinner Cocktail

Categoria IBA

The Unforgettables

Tecnica

Stir & Strain

Da sapere sul Dry Martini

Il Dry Martini è un cocktail il cui nome ha un’origine piuttosto dibattuta. Alcuni sostengono che il cocktail abbia preso il nome dal barista che per primo l’avrebbe preparato per John D. Rockefeller. Era la New York del 1912 ed il barman era un italiano ( di Arma di Taggio, in Liguria) emigrato negli Stati Uniti d’America ed assunto al Kwickerbocker Hotel di New York.

Un’altra versione vuole che il Martinez venne tramutato in Martini da Julio Richelieu nel 1870.

C’è anche chi sostiene sia legato alla “Martini & Rossi”.

Il Dry Martini è il re degli aperitivi.

Varianti

Martini Hemingway: Si tratta di una versione molto secca  che prende il proprio nome dal famoso scrittore. Per prepararlo mescolate una parte di Martini dry nel mixing glass con ghiaccio. A questo punto buttare via il Martini e mescolare alla stessa maniera 9 parti di gin. Versare quindi il contenuto nella classica coppetta ghiacciata. Decorate con della scorza di limone.

Lascia un commento