Analcolicicocktails

Shirley Temple, ricetta e storia del cocktail

Shirley Temple
184Views

Shirley temple: decisamente il cocktail analcolico più famoso al mondo. Creato appositamente per la  piccola attrice dai riccioli d’oro è tuttora apprezzato da tutti coloro che non vogliono bere alcolici senza però rinunciare ad un buon cocktail.

NGREDIENTI:

  • Ginger ale, 10 cl
  • Granatina, 7 ml
  • Decorazione
  • Ciliegina al maraschino

PREPARAZIONE:

Per preparare lo Shirley Temple riempite un bicchiere con del ghiaccio. Versate i 7 ml di granatina, allungate con i 10 cl di Ginger Ale e mescolate delicatamente. Immancabile la decorazione con una ciliegia al maraschino che gli conferisce l’aspetto da coktail.

Tipologia

Cocktail analcolico

Da sapere sullo Shirley Temple

Lo Shirley Temple è il cocktail analcolico più conosciuto al mondo. Il suo successo non è dovuto tanto al gusto ma più alla storia della sua nascita. Fu infatti creato negli anni trenta, in onore  della piccola attrice Shirley temple. Un barista del Royal Hawaien Hotel di Waikiki, Hawaii, realizzò il cocktail proprio per l’esigenza di servire un drink ad una bambina che non poteva certo assumere alcolici.

La ricetta, volendo essere sinceri, non è molto equilibrata ed il gusto, dato solamente da ginger ale e granatina, risulta fin troppo dolce. Fu la stessa Shirley, una volta cresciuta, che in una intervista raccontò come si sentì perseguitata da quel cocktail che in realtà era “Un concentrato di zucchero poco piacevole”.

La stessa Shirley Temple ormai adulta, in una intervista denigrò il cocktail definendolo un concentrato di zucchero poco piacevole che l’ha tormentata per tutta l’infanzia.

Varianti

Con succo di arancia: Negli ultimi anni, per cercare di ottenere un gusto più fresco e moderno, si è deciso di utilizzare il succo di arancia.

Versione alcolica: Può sembrare un controsenso ma, cercando di migliorare il sapore eccessivamente dolce dello Shirley Temple, si è creata una versione alcolica che ha ottenuto un ottimo successo. Basta aggiungere una sapiente dose di rum scuro per spezzare la pastosità del cocktail base, Ne risulta un buon cocktail con una base dolce ma con un gusto molto più equilibrato e sfumato.

Lascia un commento